AL VIA LA TERZA EDIZIONE DEL RIFF 2019: GIURIA UFFICIALE, EVENTI GREEN, INCONTRI, PANEL, FILM E DOCUMENTARI IN GARA

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

A comporre la giuria Yalitza Aparicio, J. Miles Dale, Josephine De La Baume, Nils Hartmann, Silvia Locatelli ed Elisa Fuksas. La madrina del RIFF2019 sarà Stella Egitto, mentre il vento di Portofino alzerà il sipario sul festival

Masterclass di livello mondiale, film e documentari in gara da tutto il mondo, una giuria composta da assolute eccellenze per un festival giovane, organizzato da giovani e rivolto ai giovani. Dal 7 al 12 maggio 2019 torna a Sestri Levante il Riviera International Film Festival, rassegna cinematografica dedicata ai registi under 35, svelando i film e i documentari in gara, gli eventi green, gli incontri, i panel e la giuria del RIFF2019, composta da J. Miles Dale (Presidente di Giuria), Yalitza Aparicio, Josephine De La Baume, Nils Hartmann, Silvia Locatelli ed Elisa Fuksas. Confermate anche per quest’anno masterclass di caratura internazionale con J. Miles Dale e il Direttore delle Produzioni Originali Sky Nils Hartmann con Nicola Lusuardi e Stefano Bises. Special guests del RIFF2019 sono Maurizio De Giovanni, Paolo Stella, Nicolò Govoni, Dougray Scott e Claire Forlani. La madrina sarà l’attrice Stella Egitto, preparata da Nashi Salon Porta Genova. Il Riviera International Film Festival è realizzato con il sostegno del Comune di Sestri Levante, con Mediaterraneo Servizi e con il patrocinio di Regione Liguria.

«Pochi festival in Italia – racconta Stefano Gallini-Durante, presidente e fondatore del Riviera International Film Festival – hanno la fortuna di poter annoverare professionisti di calibro mondiale in giuria. Avremo sia assolute eccellenze come Nils Hartmann e J. Miles Dale, sia la nuova generazione che avanza, con Elisa Fuksas e Yalitza Aparicio». Quest’ultima, vicina all’Oscar all’esordio sul grande schermo con “Roma” di Cuarón, andrà a comporre con Elisa Fuksas la giuria documentari. «In un’Italia ancora scossa – aggiunge Vito D’Onghia, direttore esecutivo e co-fondatore del festival – e in un Tigullio ancora ferito dal nubifragio di inizio novembre, la sezione dedicata ai documentari sull’ambiente assume un ruolo ancora più centrale. Inoltre, sarà il vento di Portofino ad alzare il sipario sul RIFF2019: grazie a generatori posti sopra il borgo, stiamo raccogliendo l’energia eolica necessaria per alimentare il film d’apertura del festival».

«Sono onorata – racconta Stella Egitto, madrina del RIFF2019 – di essere stata invitata a partecipare a questo Festival in veste di madrina in quanto percepisco, sia nello spirito che nei i criteri che ne muovono le scelte, una particolare affinità con i principi che hanno definito, e definiscono giorno dopo giorno, il mio percorso artistico. Per questo credo che un festival che si rivolga esclusivamente ad un bacino di utenza artistica under 35 sia un’occasione fondamentale a dare spazio e a valorizzare quella creatività libera e “giovane” di cui oggi il cinema, il pubblico e noi attori, abbiamo di bisogno. Sono pronta a lasciarmi sorprendere». Un’edizione che, oltre a presentare più pellicole al pubblico italiano, porta in scena diversi eventi, dal viaggio tra cinema e letteratura con Maurizio De Giovanni al panel sul diritto dei minori, passando tra l’incontro con Nicolò Govoni e a una giornata interamente green. «Venerdì 10 maggio va in scena “#RaceToSurvive” – continua Vito D’Onghia – una giornata che, con incontri, vernissage e panel, affronta temi di primaria importanza per la salvaguardia del nostro pianeta, dalla plastica che sta infestando gli oceani alla difesa foreste. Greta Thunberg sta aprendo una spaccatura, che deve portare a un nuovo modo di pensare: le istituzioni di oggi e le generazioni di domani – conclude – devono essere sempre più consapevoli del problema e lottare per rendere migliore la qualità del nostro futuro».

DICHIARAZIONI ISTITUZIONALI

Valentina Ghio, Sindaco di Sestri Levante: «Turismo, eventi di qualità e cultura sono tre ambiti di lavoro che si fondono insieme e che ben definiscono la direzione verso cui Sestri Levante sta andando: per questa ragione tre anni fa abbiamo accolto con grande entusiasmo la brillante intuizione di Stefano Gallini-Durante e Vito D’Onghia di portare a Sestri Levante un festival dedicato al cinema e soprattutto ai giovani registi che si stanno affermando nel panorama internazionale. Un entusiasmo che è stato ripagato da un evento che è ormai una piacevole conferma: un festival di alta qualità, capace di rinnovarsi ogni anno e di portare nella nostra città nomi importanti. Un veicolo promozionale di grande impatto e un onore per me e per tutta la città. Come ogni anno i miei ringraziamenti vanno a Stefano Gallini-Durante e Vito D’Onghia e a tutto lo staff organizzativo, per l’enorme lavoro che portano avanti e che rivela un grande amore per la nostra città».

Ilaria Cavo, assessore alla Cultura di Regione Liguria: «Regione Liguria ha sostenuto il Riviera International Film Festival fin dalla sua prima edizione, convinta che rappresentasse una delle proposte più innovative in campo culturale maturate in Liguria. Con la stessa convinzione lo sosterremo anche quest’anno, congratulandoci per lo sforzo e la qualità che ha saputo confermare anche in questa terza edizione, segno di un percorso in continua crescita. Sono diversi gli aspetti che convincono: il nome, innanzitutto, perché chiamarlo “Riviera” significa dare una connotazione geografica ampia e di rete, in grado di abbracciare tutto il Tigullio, da Sestri Levante a Portofino. Il fatto che Portofino, grazie all’energia del suo vento, riesca a inaugurare il festival è un segnale di attenzione fondamentale per il territorio, così come è importante che si affronti, durante il festival, il tema dell’ambiente, un tema attuale, soprattutto tra i giovani. L’altro aspetto che sosteniamo con forza è proprio quello di dedicare l’evento ai giovani talenti, in questo caso registi under 35. È un modo per puntare a tre obiettivi contemporaneamente: incentivare il cinema di qualità, favorire l’espressione artistica di giovani professionisti e dare visibilità al nostro territorio: mai come quest’anno sarà prezioso lo sguardo attento e professionale dei registi e degli addetti ai lavori che arriveranno da fuori per cogliere le bellezze della nostra terra e promuoverla».

Matteo Viacava, Sindaco di Portofino. «Per il secondo anno consecutivo Portofino prende parte a un evento importante e, senza dubbio, di calibro Internazionale. Il cinema da sempre è una forma d’Arte che raccoglie appassionati da tutto il mondo, Portofino è il Borgo più bello e famoso del mondo; va da sé come Il Riviera International Film Festival si possa legare alla perla del Tigullio».

Marcello Massucco, amministratore di Mediaterraneo Servizi: «Dopo due edizioni di grande successo, anche quest’anno torna al Convento dell’Annunziata questo evento di respiro internazionale. I traguardi raggiunti ed i positivi riscontri mediatici ottenuti sono visibili a tutti. Il Festival, nato con la finalità di portare nella Riviera Ligure di Levante il cinema internazionale con varianti originali rispetto ad altri festival del settore, sta crescendo anno dopo anno dando visibilità sia ai giovani filmmaker under 35, sia a tutto il nostro territorio».